mercoledì 12 ottobre 2016

Mostriamoci: L'abito di corte nella Francia del XVIII secolo

Gli abiti cambiano da epoca ad epoca e sebbene le mode ritornino, ci sono degli abiti che sono indissolubilmente legati ad un periodo specifico. Attraverso di essi riusciamo a carpire il gusto di una data società e riusciamo ad avere informazioni culturali e storiche. Le stoffe, i ricami, i motivi, i colori; tutti ci parlano di conquiste, di influenze culturali e di abitudini.


Gli abiti ospitati a Palazzo Caetani (Fondi) ci parlano della corte di Francia del XVIII secolo. 
Il primo pensiero che ho avuto entrando a Palazzo mi ha riportata al film con Kate Winslet Le regole del caos, ambientato a Versailles ai tempi del Re Sole.




Le epoche sono diverse ma l'associazione fatta dalla mia mente mi ha permesso di aggiungere emozioni alla mia visita. Gli abiti hanno preso vita e corpo nella mia immaginazione.



E se parliamo di immaginazione, io non posso fare altro che sognare di indossare quest'abito e di salire su una carrozza per andare a fare visita a qualche mia graziosa amica. 



Gli abiti sono tutti meravigliosi e sono impreziositi da spille, collarini, cappelli e da altri gioielli.


Tuffarsi nel passato non è mai stato così bello. Gli oggetti hanno valore solo se siamo noi a conferirgliene e questi abiti sono stati confezionati con cura e precisione. Paolo De Lellis è l'artista che li ha riprodotti e che ringrazio per avermi permesso di scoprire la bellezza della corte di Francia del XVIII secolo. 


  
"Per quanto sembrino cose di secondaria importanza, la missione degli abiti non è soltanto quella di tenerci caldo. Essi cambiano l’aspetto del mondo ai nostri occhi e cambiano noi agli occhi del mondo."
Virginia Woolf 



0 commenti:

Posta un commento