Pages

sabato 18 luglio 2015

La luccicanza

Nella nostra disastrata penisola arriva Caronte a ricordarci che l'inferno è qui sulla Terra. E proprio per sopportarlo meglio io mi tuffo tra le pagine di un libro, paradiso di noi lettori.
La scelta  è stata molto facile. Avevo voglia di sapere com'era cresciuto Danny Torrance e voglia di scoprire chi era la misteriosa donna sulla copertina del libro.

Sto parlando di Doctor Sleep di Stephen King che ha come protagonista, insieme ad altri, Daniel Anthony Torrance di Shining, reso famoso dal film di Stanley Kubrick.
In quest'ultimo il piccolo Danny si era trovato a dover affrontare i demoni che abitavano l'Overlook Hotel, un albergo nel quale era stato costretto a soggiornare con la sua famiglia perché Jack, suo padre, ne era diventato il custode.  
Danny vede i demoni grazie alla "lucicanza", un potere che inoltre gli permette di ascoltare i pensieri degli altri e di avere delle premonizioni. Se in Shining queste capacità sono ancora una scoperta, in Doctor Sleep crescono e mutano. 

Inizialmente la luccicanza è soltanto un grande peso, una zavorra che gli rovina l'esistenza e la popola dei fantasmi del passato. Daniel tenterà di annegarla con fiumi di alcool, vivendo al limite come un vagabondo.
Proprio durante uno dei suoi vagabondaggi la sorte (il ka per i kinghiani) lo porterà a stabilirsi a Frazier nel New Hampshire. Inizierà qui un persorso di recupero all'alcolisti anonimi e sarà il Dottor Sonno in un ospizio. Avrà come compagno Azrael, un gatto che percepisce l'arrivo della morte.
La luccicanza tornerà forte come un tempo e sarà grazie a lei che verrà contattato da una potente shining girl, Abra. Durante la sua vita Daniel aveva incontrato altre persone con il suo potere ma non aveva mai conosciuto qualcuno che potesse superarlo. Abra è una ragazzina con poteri telepatici molto forti che si manifestano già a pochi mesi dalla sua nascita.
E la donna della copertina?!?




La donna in copertina è l'affascinante Rose cilindro capo del Vero Nodo, una banda di spietati assassini che viaggiano in camper e che si nutrono della luccicanza. Abra la intercetterà e a Rose non resterà che mettersi sulle sue tracce.
Un ennesimo conflitto tra il bene e il male si innescherà per regalarci pagine piene di suspense.

Ho trovato la lettura estremamente piacevole e coinvolgente. I personaggi sono vivi, affascinanti e attivi. Attivi perché questo è un libro pervaso dall'azione. Nessuno sta mai con le mani in mano ad aspettare che qualcosa accada.

Daniel è impegnato a combattere i suoi demoni e la sua dipendenza e lo fa con molta determinazione. Abra è giovane e usa tutte le sue energie per sconfiggere il Vero Nodo. Quest'ultimo si sposta da una parte all'altra dell'America organizzando la caccia in ogni minimo dettaglio. Rimanere nell'anonimato è la loro priorità.

I poteri del bene e del male sono utilizzati al massimo della loro potenzialità. Nemmeno un briciolo ne viene risparmiato quando si lotta per la sopravvivenza. Ed è proprio questa lotta che ti porta a non odiare del tutto i cattivi.
Rose cilindro è una cattiva di cui ci si innamora subito, non solo per la sua bellezza esteriore. Il Vero Nodo è composto da persone che la società ha tenuto ai margini. Persone con poteri magici che sono diventate cattive in seguito a violenze o a soprusi. Sono cattivi perché qualcuno li ha portati ad essere così. Come si fa a fargliene una colpa?!? 

King va sempre a fondo nel caratterizzare i suoi personaggi e credo che in Doctor Sleep l'abbia fatto nel modo giusto perché mischia la profondità dell'animo umano all'azione. Non ci si annoia mai, la lettura è adrenalinica e ringrazio lo zio per avermi regalato quest'avventura. 

Morale della favola?!? Doctor Sleep ci insegna che solo accettando noi stessi, le nostre paure ed il nostro passato riusciremo a far splendere la nostra luccicanza. Ognuno di noi deve trovare la forza nascosta dentro di sé che ci aiuta a combattere il male e che ci regala solo grandi cose.


"Tutto ti sembra più piccolo e insignificante quando lo sputi fuori."




   
  
        

0 commenti:

Posta un commento