giovedì 13 luglio 2017

Kesha. Praying. Il perdono come nuovo inizio.

Kesha, la ragazza che si lavava i denti col Jack è tornata. Ma non vi aspettate video sensuali e trasgressivi con riferimenti all'occultismo. Niente croci rovesciate, nessuna stella di Venere ma solo preghiere e perdono. 



Praying il nuovo singolo della cantante statunitense arriva dopo anni di battaglie che l'hanno vista lottare in tribunale contro il suo produttore, Dr. Luke. Kesha aveva infatti denunciato gli abusi e le violenze subite proprio da lui e chiedeva di avere la possibilità di rescindere il contratto che l'avrebbe legata per altri sei anni alla Sony. Affrontare il processo non è stato per niente facile, la cantante è stata perfino accusata di diffamazione.


"Til it happens to you, you don't know how it feels"


Lady Gaga, ha riferito di aver pensato a Kesha poco prima di salire sul palco e cantare Til it happens to you alla cerimonia di premiazione degli Oscar del 2016. Una canzone scritta per portare alla luce il problema della violenza sessuale. "Finché non succede a te non puoi sapere come ci si sente". 




"Sono morta o questo è uno di quei sogni? Uno di quegli orribili sogni che sembrano durare per sempre?"
Kesha inizia la canzone con una richiesta a Dio, quello che le è accaduto è stato così difficile che preferirebbe morire. Ma poi confessa di aver imparato a farsi forza, a rialzarsi, a farcela da sola. Ha imparato anche a perdonare e a pregare, qualche volta, per il suo carnefice.

" I hope you're somewhere praying, I hope your soul is changing. I hope you find your peace falling on your knees." 

Il video inizia con Kesha che si trova all'interno di una bara, ma poi si svolge per la maggior parte sulla bellissima e coloratissima Salvation Mountain, situata a sud del deserto del Colorado. Apparsa anche nel film Into the wild, sembra che la cantante la usi come mezzo per affermare che l'unica salvezza sia Dio, per lei e per chiunque commetta violenza. 

Praying segna un grande ritorno per Kesha e ci fa piangere tutte le nostre lacrime, quanto deve essere difficile perdonare qualcuno che ci ha rovinato la vita? Rabbia, dolore, tutte le sofferenze sono state trasformate in qualcosa di positivo; dopo aver assaggiato le fiamme dell'Inferno è arrivato il momento di guardare avanti e ricominciare a vivere. 


"I'm proud of who I am. No more monsters, I can breathe again."


0 commenti:

Posta un commento